Tra le due comunità. Singolarità e relazione oltre il paradigma di Marx

Tra le due comunità. Singolarità e relazione oltre il paradigma di Marx

di Pasquale Serra

In questo libro sono raccolti quattro saggi che, da due prospettive distinte (più specificamente storica la prima, e prevalentemente filosofica la seconda) cercano di dare risposta alla seguente domanda: come si ridefinisce la sinistra in rapporto a un mondo che pone al suo centro la destra? Nella prima parte, l'autore affronta il problema delle due comunità, la vecchia questione di Gramsci, e di come sia oggi possibile tornare a collocarsi tra di esse per ricomporre quella divaricazione tra élite e popolo, tra settori protetti e settori non protetti della società, che è alle origini della crisi della sinistra. Con quale filosofia, con quale antropologia è possibile avviare tale processo? Intorno a queste domande ruota la seconda parte del libro, nella quale viene difeso il pragmatismo di Marx, in un'analisi che però lo trascina nelle immediate vicinanze delle sue insufficienze, e questo perché, secondo l'autore, ci si può davvero collocare tra le due comunità solo se si esce dalla problematica antropologica di Marx, in quanto una reale interdipendenza delle soggettività può darsi solo quando si incomincia ad avere un altro rapporto con il mondo e con gli altri. Solo così, forse, si potrebbe rompere, oggi, l'egemonia della destra, una egemonia non congiunturale ma strutturalmente fragile, perché chi cerca a destra una qualche sicurezza, spesso non la incontra, dal momento che non ci può essere sicurezza in un mondo monocromico che apre solo a un destino privo di speranza.

  • Editore: Ediesse
  • Categorie: Società
  • Edizione: 2008
  • Collana: Saggi
  • Ean: 9788823012905
  • Pagine: 112 p.
  • In Commercio Dal: 12/06/2008