Lo sconosciuto racconta. 1975-1996

Lo sconosciuto racconta. 1975-1996

di Magnus

È un viandante proletario, verrebbe da dire, un compagno di strada che non ha niente da insegnare se non il senso comune. Dice lo sconosciuto: "Perché spari una raffica dove basta un colpo, cosa sparerai quando occorrerà una raffica?" "E come faccio a sapere se basta un colpo o ci vuole una raffica?" obietta il suo interlocutore, uno di nome Golden. "Questo, caro Golden, nel nostro mestiere, alcuni non han tempo di impararlo." (dalla prefazione di Luigi Bernardi). Non ha ancora il viso tumefatto, la bocca sanguinante e i denti fracassati, né un sorriso nuovo di zecca, lo sconosciuto, ma è certamente la voce narrante più adatta a introdurre questi episodi della serie magnusiana. Arricchita da un attento recupero delle pagine originali del soggetto inedito di Socco Chico - L'uomo che aveva perso il suo cappello (1991), l'edizione comprende anche una sezione a colori che ospita vent'anni di copertine de "Lo sconosciuto".